Letture al sole: -5% su tutti i libri, spese di spedizione ribassate e invio gratuito oltre € 39 fino al 25 agosto >>> SCOPRI

Copertina Forme del pratico nella psicologia di Hegel

Acquista:

prezzo di copertina € 22,00
a stampa € 20,90
collana "Pubblicazioni dell'Istituto italiano di scienze umane/Studi"
pp. 272, Brossura, 978-88-15-24102-3
anno di pubblicazione 2013

MARIAFILOMENA ANZALONE

Forme del pratico nella psicologia di Hegel

Sentimenti, passioni, impulsi, ma anche riflessione, libertà, razionalità: tutti questi elementi entrano in gioco quando vogliamo qualcosa. Per Hegel essi non sono semplicemente in relazione con il nostro volere, ma lo costituiscono: sono le forme che assume l’attività dello spirito entro se stesso quando si fa pratico, quando intraprende il percorso di produzione del proprio mondo. Nella psicologia Hegel si arresta alle soglie della costruzione di questo mondo: non entra nel merito di ciò che lo spirito pratico realizza a partire dalla posizione dei suoi scopi ma rende ragione delle spinte, delle pulsioni, dei moventi che ne sono alla base, facendo emergere l’aspetto distintivo che caratterizza i diversi contenuti assunti come fini dalla volontà. Il volume, a partire da una ricostruzione dell’originale prospettiva della psicologia di Hegel, analizza la sua concezione del volere e la pone in relazione al dibattito filosofico del tempo. L’idea hegeliana di una volontà che si sviluppa lungo l’arco che va dal sentire al pensare viene letta come il tentativo di ricomporre la scissione kantiana tra sentire e volere, senza cadere in qualche forma di romantica esaltazione del sentimento.

Mariafilomena Anzalone, dottore di ricerca in Filosofia, ha fruito di una borsa di post-dottorato in Filosofia e storia delle idee presso l’Istituto Italiano di Scienze Umane di Firenze e attualmente è assegnista di ricerca presso la cattedra di Antropologia filosofica dell’Università della Basilicata. Ha dedicato al pensiero hegeliano numerosi saggi e il volume «Volontà e soggettività nel giovane Hegel» (Napoli, 2008).

Leggi anche

copertina Perché ridiamo
copertina Quando l'importante è vincere
copertina Dodici
copertina Vite formidabili