Letture sotto il sole: -5% sui libri e invio gratuito da € 39 fino al 25 agosto >>> SCOPRI

Copertina Interessi e regole

Acquista:

prezzo di copertina € 25,00
a stampa € 23,75
collana "Quaderni dell'Istituto storico italo-germanico in Trento"
pp. 336, Brossura, 978-88-15-24066-8
anno di pubblicazione 2012

ANDREA BONOLDI, ANDREA LEONARDI, KATIA OCCHI (a cura di)

Interessi e regole

Operatori e istituzioni nel commercio transalpino in età moderna (secoli XVI-XIX)

Tra le principali acquisizioni della recente ricerca storico-economica vi è la consapevolezza che la natura delle istituzioni presenti in una determinata realtà e i tempi e i modi con cui esse si modificano può costituire sul lungo periodo un importante fattore di diversificazione nei percorsi storici dei diversi territori. I saggi raccolti in questo volume affrontano il rapporto tra istituzioni e commercio nell’area alpina e perialpina orientale – dal Tirolo storico alla Carniola, dalla repubblica di Venezia alla Stiria – in età moderna. Ne emerge un ricco tessuto di transazioni a più livelli in cui sono coinvolti attori differenti, dai proprietari terrieri ai grandi mercanti operanti su lunghe distanze, ai dettaglianti, ai detentori di capitale finanziario, alle autorità politiche (gli interessi). A ciò corrisponde una pluralità di strategie finalizzate a ridurre i rischi insiti nell’attività di scambio, in un contesto segnato dall’intrecciarsi di una serie di norme – formali e informali – di diversa natura, che definiscono gli spazi d’azione degli operatori economici (le regole).

Andrea Bonoldi è ricercatore di Storia economica presso l’Università degli studi di Trento. Si occupa della storia delle relazioni commerciali e dei processi di sviluppo in area alpina in età moderna e contemporanea. Andrea Leonardi è professore ordinario di Storia economica presso l’U­niversità degli studi di Trento, dove insegna Business History e Storia della banca. Tra i suoi temi di ricerca ricordiamo in particolare il processo di modernizzazione della monarchia asburgica e la storia finanziaria dell’Italia nel XX secolo. Katia Occhi è ricercatrice presso l’Istituto storico italo-germanico della Fondazione Bruno Kessler. I suoi interessi di ricerca sono rivolti alla storia economica e sociale delle aree alpine in età moderna e alla storia degli archivi.

Leggi anche

copertina Perché ridiamo
copertina Quando l'importante è vincere
copertina Dodici
copertina Vite formidabili