il Mulino

BLACK WEEK: FINO AL 25 NOVEMBRE
-5% E CONSEGNA GRATUITA SU TUTTO IL CATALOGO, NOVITA' COMPRESE

Copertina Diritto e religione nell'Islam mediterraneo

Acquista:

a stampa € 27,00
collana "Percorsi"
pp. 352, Brossura, 978-88-15-23401-8
anno di pubblicazione 2012

ALESSANDRO FERRARI (a cura di)

Diritto e religione nell'Islam mediterraneo

Rapporti nazionali sulla salvaguardia della libertà religiosa: un paradigma alternativo?

Al tempo della «primavera araba», delle profonde trasformazioni che stanno vivendo i paesi a maggioranza musulmana della sponda Sud del Mediterraneo, riflettere sul ruolo della religione nell’attuale processo di «state-building» è di fondamentale importanza. Il rapporto tra diritto (dello Stato) e religione (della Nazione) sembra riacquistare nuova centralità dal momento in cui l’aspirazione ad un assetto «democratico» pone al centro dell’attenzione non solo la forza dei numeri necessaria al governo della compagine politica ma, si potrebbe dire soprattutto, le libertà fondamentali che della democrazia costituiscono il presupposto indispensabile. La tutela della libertà religiosa, nelle sue declinazioni positive e negative e nelle sue diverse forme di manifestazione, rappresenta un banco di prova ineludibile per gli Stati a maggioranza musulmana del Mediterraneo. Questo volume fa il punto, per la prima volta, dello stato del diritto di libertà religiosa nei paesi dell’«Islam mediterraneo» trattandone tutti i nodi e i risvolti più centrali – luoghi di culto, tutela e ruolo delle minoranze religiose, apostasia, significato concreto della «islamicità» degli Stati – chiarendo le sfide presenti e le prospettive future di un rapporto, quello appunto tra diritto dello Stato e religione musulmana, fondamentale per la costruzione, fra le due sponde del Mediterraneo, di uno spazio, non solo geografico, di armonica convivenza.

Alessandro Ferrari insegna Diritto ecclesiastico e canonico nell’Università dell’Insubria. Associato al Groupe Sociétés, Religions, Laicités (GSRL) del CNRS, all’International Consortium for Law and Religion Studies (ICLARS) e all’Associazione dei docenti delle discipline ecclesiasticistiche e canonistiche nelle Università italiane (ADEC), fa parte della redazione dei «Quaderni di diritto e politica ecclesiastica» ed è coordinatore del progetto «Nuove Presenze Religiose» del Forum Internazionale Democrazia & Religioni (FIDR). È membro del Comitato per l’Islam Italiano istituito presso il Ministero dell’Interno.

Leggi anche

copertina Diritto e religione in Europa
copertina Diritto e religione in Italia
copertina Diritto e religione in America Latina
copertina Diritto e religione in Europa occidentale