SALVATORE NATOLI, PIERANGELO SEQUERI

Non ti farai idolo né immagine

L'interdetto biblico non vieta la produzione d'immagini, ma il loro uso improprio, la loro elevazione a divinità. Non si possono adorare altri dei e non si può adorare Dio al modo degli altri, ossia rendendolo immagine-feticcio. Non solo: le storiche dispute religiose in ambito cristiano su questo divieto hanno investito anche il tema della differenza fra l'autentico sacramento della presenza divina e il segno magico o superstizioso, come l'amuleto e il feticcio. Oggi il problema dell'idolatria ha trovato la sua metamorfosi banale nella proliferazione di nuove icone e idoli di massa prodotti dai media. Come distinguere allora la profondità dell'immagine dalla perversione del feticcio?

Salvatore Natoli insegna Filosofia teoretica nell'Università degli Studi di Milano-Bicocca e Storia delle idee nell'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano. Tra i suoi volumi: "Stare al mondo" (Feltrinelli, 2002), "Il buon uso del mondo" (Mondadori, 2010), "L'edificazione di sé" (Laterza, 2010). Pierangelo Sequeri, teologo e musicista, insegna Teologia fondamentale nella Facoltà teologica di Milano ed Estetica del sacro nell'Accademia di Belle arti di Brera. Fra i suoi volumi: "Il Dio affidabile" (Queriniana, 2000) e "Il corpo del Logos" (Glossa, 2010).

Acquista:

a stampa € 12,00
e-book € 8,49
Formato:  ePub , Kindle
collana "Voci"
serie "I comandamenti"
pp. 144, 978-88-15-15045-5
anno di pubblicazione 2011

Leggi anche

copertina Ama il prossimo tuo
copertina Io sono il Signore Dio tuo
copertina Non nominare il nome di Dio invano
copertina Non dire falsa testimonianza