MARCO CAMMELLI (a cura di)

Il Codice dei beni culturali e del paesaggio

Commento a cura di Marco Cammelli con il coordinamento di Carla Barbati e Girolamo Sciullo

Sul mumero 3/2008 di Aedon - Rivista di arti e diritto online - è disponibile l'aggiornamento al Commentario, attraverso un ampio blocco di articoli dedicato alle modifiche al Codice dei beni culturali e del paesaggio dopo i decreti legislativi 62 e 63 del 2008. Il Commentario è anche completato dal testo del Codice, aggiornato al 2008.

Il 1° maggio 2004 ha segnato una data significativa per la disciplina dei beni culturali e del paesaggio. E' entrato infatti in vigore il "Codice dei beni culturali e del paesaggio", varato il 22 gennaio 2004 sulla base della delega conferita dall'art. 10 della legge 6 luglio 2002, n. 137, la quale è valsa ad autorizzare anche l'adozione dei decreti legislativi 24 marzo 2006, nn. 156 e 157. Tali decreti hanno introdotto correttivi ed integrazioni alle disposizioni del Codice, sia per la parte relativa ai beni culturali sia per quella concernente i beni paesaggistici e il paesaggio. Nel volume che qui si presenta, aggiornato alla luce dell'evoluzione normativa e giurisprudenziale intervenuta, il gruppo di studiosi a cui già si deve il commentario precedente, nonché il Commento al Testo unico del 29 ottobre 1999, offre una lettura approfondita del Codice. Partendo dall'esame dei singoli articoli sono sottolineati i collegamenti, le innovazioni, gli aspetti problematici e i criteri interpretativi più affidabili per risolverli. Nel delineare il regime che, complessivamente, ne scaturisce, gli autori non mancano di considerarne criticamente i risultati.

Marco Cammelli è professore ordinario di Diritto amministrativo nella Facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Bologna. Carla Barbati è professore ordinario di Diritto amministrativo nella Facoltà di Giurisprudenza dell'Università del Salento. Girolamo Sciullo è professore ordinario di Diritto amministrativo nella Facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Bologna.

Introduzione, di Marco Cammelli
Commento al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42; recante Codice dei beni culturali e del paesaggio, ai sensi dell'articolo 10 della legge 6 luglio 2002, n. 137 e successive modificazioni
Parte prima: Disposizioni generali
Parte seconda: Beni culturali
Titolo I: Tutela
Titolo II: Funzione e valorizzazione
Titolo III: Norme transitorie e finali
Parte terza: Beni paesaggistici
Titolo I: Tutela e valorizzazione
Parte quarta: Sanzioni
Titolo I: Sanzioni amministrative
Titolo II: Sanzioni penali
Parte quinta: Disposizioni transitorie, abrogazioni ed entrate in vigore
Legge 6 luglio 2002, n. 37
Delega
Riferimenti bibliografici
Indice analitico
I collaboratori

Acquista:

a stampa € 50,00
collana "Fuori collana"
pp. 824, 978-88-15-11974-2
anno di pubblicazione 2007

Leggi anche

copertina Le imprese multi-utility
copertina Il pubblico potere. Stati e amministrazioni pubbliche
copertina Dalla legge al regolamento
copertina La concorrenza nei servizi di pubblica utilità

Ebook, i libri a portata di click

Attraverso gli ebook, il Mulino propone una parte significativa del proprio catalogo in edizione digitale.
Disponibili in questo sito e nei principali shop online, sono in formato ePub e Mobipocket e possono essere letti sui principali reader - compreso il Kindle -, sui tablet - compreso l'iPad -, negli smartphone e su computer.

Online su Pandoracampus

Studiare in digitale. Pandoracampus è la piattaforma multieditore nata su iniziativa del Mulino. I manuali per l'università e la formazione superiore vanno online in streaming, integrati con la rete e arricchiti da risorse per studiare e insegnare in modo efficace.