JOACHIM STARON

Fosse Ardeatine e Marzabotto

Storia e memoria di due stragi tedesche

Alle Fosse Ardeatine di Roma, nel marzo 1944, trecento e più prigionieri vennero fucilati per rappresaglia dopo l'attentato gappista di via Rasella; a settembre dello stesso anno nel territorio di Marzabotto, sull'Appennino bolognese, i tedeschi sterminarono oltre settecento civili nel corso di un vasto e spietato rastrellamento. Queste due stragi sono assurte a simbolo della violenza e della crudeltà nazista, "luoghi della memoria" dell'Italia repubblicana. Su questi fatti, tanto in Italia quanto in Germania, si è gradualmente costruita l'immagine della guerra tedesca in Italia, si sono giocate partite politiche e storiografiche, si sono celebrati o non celebrati processi, si sono intrecciate polemiche. E' quanto ricostruisce l'autore di questo originale volume, che con grande capacità di sintesi ripercorre e inquadra non solo i fatti in sé, ma anche le loro lunghe conseguenze: i processi che hanno avuto luogo in Italia nel dopoguerra e, decennio dopo decennio, lo svolgersi del dibattito pubblico nei due paesi. Ne viene una lettura assai coinvolgente su una tematica che la storiografia sta oggi vivacemente riconsiderando.

Joachim Staron dopo aver studiato storia e filologia latina nelle Università di Gottinga e Berlino, ha conseguito il dottorato alla Freie Universität di Berlino e attualmente lavora all'Institut für Auslandsbeziehungen di Stoccarda.

Acquista:

a stampa € 28,00
collana "Biblioteca storica"
pp. 568, 978-88-15-11518-8
anno di pubblicazione 2007

Leggi anche

copertina L'infanzia
copertina I Balcani
copertina Il ruolo economico dello Stato
copertina Storia economica del mondo antico