PHILIPPA FOOT

La natura del bene

"Le virtù hanno un ruolo necessario nella vita dell'uomo così come il pungiglione nella vita delle api": ma come facciamo a giudicare se qualcosa è "buono" per gli esseri umani? Per gli organismi viventi in generale, è buono ciò che serve per nutrirsi, vivere e prosperare, vale a dire ciò che serve a realizzare le potenzialità della specie. Tuttavia, nel caso particolare dell'uomo, questo criterio di giudizio appare inadeguato, perché non si può concepire l'essere umano in senso soltanto biologico. Esistono attività di pensiero e sfere di vita - la capacità di usare l'immaginazione, di cantare o danzare ad esempio - senza le quali gli esseri umani potrebbero sopravvivere e riprodursi, ma non potrebbero raggiungere un pieno sviluppo. Ricollegandosi a una tradizione di pensiero che attraverso Tommaso d'Aquino risale sino ad Aristotele, Philippa Foot si interroga in queste pagine su che cosa è giusto e che cosa è sbagliato, sulla virtù e sul vizio, sulle basi stesse del giudizio morale, e giunge a individuare i tratti che caratterizzano efficacemente la forma di razionalità pratica specificamente umana.

Philippa Foot è professore emerito di Filosofia nella University of California, Los Angeles, e Honorary Fellow del Somerville College, Oxford. E' anche autrice di "Moral Dilemmas and Other Topics in Moral Philosophy" (2002) e di "Virtues and Vices and Other Essays in Moral Philosophy" (II ed. 2002).

Presentazione, di Luca Fonnesu
Prefazione
Introduzione
1. Un nuovo inizio?
2. Norme naturali
3. Dagli esseri viventi non-umani agli uomini
4. Razionalità pratica
5. Bontà umana
6. La felicità e il bene dell'uomo
7. L'immoralismo
Poscritto
Bibliografia
Indice dei nomi

Acquista:

a stampa € 12,00
collana "Intersezioni"
pp. 184, Brossura, 978-88-15-11412-9
anno di pubblicazione 2007

Leggi anche

copertina Virtù e vizi
copertina La filosofia morale
copertina Scegliere un'etica
copertina La filosofia italiana del Novecento