JOHN H. ELLIOTT

La Spagna imperiale

1469-1716

Come fu che la Spagna nell'arco di due secoli soltanto da paese piccolo e isolato divenne la potenza dominante d'Europa e del mondo e altrettanto rapidamente decadde? John H. Elliott, uno dei massimi ispanisti del nostro tempo, racconta questa parabola prendendo le mosse dal 1469, allorché il matrimonio dei "re cattolici" Ferdinando e Isabella unificò i regni di Castiglia e Aragona, per passare alla politica di "reconquista" dei territori iberici in mano musulmana, alla scoperta dell'America e al conseguente instaurarsi di un impero immenso e disperso, che vive la sua stagione d'oro nel pieno Cinquecento con i regni di Carlo V e di Filippo II, e vertiginosamente decade nel corso del Seicento. Chiara ed equilibrata, la narrazione di Elliott si è da tempo affermata come un autentico classico della storiografia sull'età moderna.

John H. Elliott (1930) è professore emerito dell'Università di Oxford. Tra le sue opere: "Il vecchio e il nuovo mondo" (Il Saggiatore, 1985), "Richelieu e Olivares" (Einaudi, 1990), "Il miraggio dell'Impero. Olivares e la Spagna: dall'apogeo alla decadenza" (Salerno, 1991), "La Spagna e il suo mondo" (Einaudi, 1996). Il suo ultimo libro è "Empires of the Atlantic World" (2006).

Premessa
1. L'unione delle due Corone
2. La «reconquista» e le nuove conquiste
3. La Spagna e il suo ordinamento
4. Il destino imperiale
5. Amministrazione ed economia sotto il regno di Carlo V
6. La stirpe e la religione
7. «Un solo re, un solo impero, e una sola spada»
8. Splendori e miserie
9. La ripresa e la catastrofe
10. Epitaffio su un impero
Bibliografia
Indice dei nomi

Acquista:

prezzo di copertina € 15,00
a stampa € 14,25
collana "Storica paperbacks"
pp. 480, Brossura, 978-88-15-11093-0
anno di pubblicazione 2006

Leggi anche

copertina La società di corte
copertina Un solo re, un solo impero
copertina Ascesa e crisi
copertina Luigi XIV e la Francia del suo tempo