E. ROSENTHAL FUà

Fuga a due

Storia di due giovani sullo sfondo della guerra mondiale.

"Un giorno di circa vent'anni fa ritagliai da un calendario la riproduzione di un quadro di Chagall, Gli amanti, e l'appesi nella camera da letto. Tempo dopo Giorgio mi disse: 'metti quella stampa sotto vetro, perché non si rovini. E' l'unica fotografia che abbiamo di noi due in fuga'". Parte da questo ricordo il viaggio nella memoria di Erika Rosenthal, moglie dell'economista Giorgio Fuà. Figlia di un ebreo di Istanbul e di una bulgara, dopo aver vissuto i primi due anni di vita a Teheran, nel 1921 l'autrice giunge con la famiglia in Italia, a Milano, dove vive per diversi anni gli agi della buona borghesia del tempo e assiste alla progressiva affermazione del regime fascista. Nel 1942, l'incontro con Giorgio Fuà, anche lui ebreo, nei locali delle NEI (Nuove Edizioni Ivrea), la casa editrice di Adriano Olivetti per la quale i due giovani lavoravano. E l'amore nasce proprio mentre fuori si fa più prossimo il disastro del paese. L'8 settembre 1943, i rastrellamenti nazisti all'interno della comunità ebraica, i ripetuti tentativi di fuga della coppia, fino all'arrivo in Svizzera. Poi, passata la tempesta, il ritorno in Italia e l'inizio di una nuova vita. Con sobria leggerezza, i destini personali dei protagonisti sono qui raccontati in un equilibrio sapiente tra grande storia, romanzo familiare, vicende dell'intimità privata.

Dopo aver vissuto a Teheran, Milano, Ivrea e Ginevra, Erika Rosenthal Fuà abita dal 1960 nella villa al Pinocchio di Ancona. Per oltre trent'anni ha insegnato inglese fra scuola superiore e università.

Acquista:

prezzo di copertina € 19,00
a stampa € 18,05
collana "Storia/memoria"
pp. 256, 978-88-15-10137-2
anno di pubblicazione 2004

Leggi anche

copertina Il capitale sociale
copertina Psicologia dinamica
copertina Banche e reti di banche nell'Italia post-unitaria
copertina Da Postdam a Mosca