il Mulino

Copertina Alpinismo e storia d'Italia

Acquista:

a stampa € 21,00
collana "Biblioteca storica"
pp. 316, Rilegato, 978-88-15-09429-2
anno di pubblicazione 2003
Con illustrazioni

ALESSANDRO PASTORE

Alpinismo e storia d'Italia

Dall'Unità alla Resistenza

Un brano dal testo

Passata l'epoca dei primi pionieri solitari, perlopiù inglesi, che andavano alla scoperta delle Alpi, nel secondo Ottocento l'alpinismo diventa pratica diffusa, sport, modo di fare le vacanze. Dal 1863 il Club Alpino Italiano, fondato da Quintino Sella con un gruppo di amici appassionati di montagna, esprime e istituzionalizza questa nuova attività, sulle prime riservata al ceto aristocratico e borghese ma ben presto allargata a schiere di "alpinisti ciabattoni". Nato con l'Unità, l'alpinismo del Cai accompagna la storia dell'Italia neonata ponendosi come strumento educativo della gioventù, modo di "fare gli italiani". Così nell'evoluzione dell'alpinismo italiano si rispecchiano i miti, i valori, le istanze politiche del paese; e il nesso tra alpinismo e politica risulta fortissimo, non foss'altro perché la Grande Guerra è una guerra di montagna, e l'alpinista si trasforma in alpino, difensore dei patrii confini. Soprattutto nel Ventennio, la passione per la montagna si colora dei miti nazionalisti e patriottici: una "fascistizzazione" poi riscattata dall'"andare in montagna" dei partigiani.

Alessandro Pastore insegna Storia moderna nella Facoltà di Lettere e filosofia dell'Università di Verona. Tra i suoi libri più recenti: "Crimine e giustizia in tempo di peste nell'Europa moderna" (Laterza, 1991), "Il medico in tribunale. La perizia medica nella procedura penale d'antico regime" (Casagrande, 1998) e, curato con M. Garbellotti, "L'uso del denaro. Patrimoni e amministrazione nei luoghi pii e negli enti ecclesiastici in Italia" (Il Mulino, 2001).

Leggi anche

copertina L'arte della resa
copertina Politica in Italia. Edizione 2003
copertina Una nazione allo sbando
copertina Dino Grandi