Fino al 25 luglio -30% sugli e-book / -5% sui libri
spedizione gratuita per corriere a partire da € 32
.

MARIA ROSARIA FERRARESE

Il diritto al presente

Globalizzazione e tempo delle istituzioni

Il futuro nel presente. Un nuovo contributo alla riflessione su globalizzazione e diritto, da un'autrice che già ha incontrato uno straordinario interesse.

Con questo libro Maria Rosaria Ferrarese offre un nuovo importante contributo alla riflessione su globalizzazione e diritto. Il tempo della globalizzazione mostra uno scenario giuridico affollato e convulso, bisognoso di nuove prestazioni che incidono sull'assetto istituzionale. Emerge, informalmente ma visibilmente, un profondo rimescolamento del sistema delle fonti. Via via che istanze di giustizia e protagonismo dei diritti pongono al centro della scena istituzioni giudiziarie o paragiudiziarie - più veloci delle istituzioni politiche - lo stesso modello delle istituzioni e l'articolazione del diritto cambiano radicalmente. Contestualmente, si delinea un nuovo tipo di diritto costituzionale sovranazionale e transnazionale, quasi in una sorta di internet delle costituzioni. Diritto e istituzioni della globalizzazione inclinano verso una nuova impostazione temporale non più devota al passato o rivolta al fututo, ma sempre più dedita al presente.

Maria Rosaria Ferrarese è professore di Sociologia del diritto nell'Università di Cagliari e attualmente è docente presso la Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione di Roma. Con il Mulino ha già pubblicato "Le istituzioni della globalizzazione. Diritto e diritti nella società transnazionale" (2000).

1. Il presente ipertrofico della globalizzazione
2. Espressioni giuridiche al presente
3. Il linguaggio transnazionale dei diritti
4. Giustizia e istituzione giudiziaria nella globalizzazione

Acquista:

non disponibile
collana "Saggi"
pp. 240, 978-88-15-08949-6
anno di pubblicazione 2002

Leggi anche

copertina Le istituzioni della globalizzazione
copertina La fiducia
copertina Sui confini
copertina Il diritto delle prove alla deriva