CLAUDIA MANCINA

Oltre il femminismo

Le donne nella società pluralista

C'è per le donne un'altra possibilità tra il diventare come gli uomini o il sentirsi orgogliosamente diverse?

Le donne sono presenti ormai in tutti gli ambiti della società, nelle attività produttive così come nelle professioni e nella scienza, nella politica e in campo militare, pur continuando a svolgere mansioni tradizionalmente femminili, legate alla riproduzione e alla cura della famiglia. Un mutamento sociale cui corrisponde un profondo mutamento antropologico. L'identità composita che le donne si trovano oggi a vivere ha dato luogo a una vasta riflessione sulla differenza di genere. Ma il cosiddetto "pensiero delle donne" - un'area di dibattito da cui gli uomini sono esclusi - ha finito per riprodurre l'antica segregazione del mondo femminile. Questo libro vuole contribuire al superamento di tale separatezza. In particolare, l'autrice traccia un bilancio del pensiero delle donne sull'etica confrontandolo con le teorie etico-filosofiche contemporanee; discute con categorie nuove, mutuate dalla bioetica, i temi della procreazione e dell'aborto, che le donne affrontano in modo intellettualmente autonomo senza tuttavia riuscire a dare alle loro idee una valenza pubblica e a farle divenire patrimonio comune; analizza infine le varie ipotesi di rappresentanza politica - quote o non quote? - nella consapevolezza che l'ingresso delle donne nella vita pubblica non può essere una mera assimilazione, ma deve produrre cambiamenti simbolici e culturali per la cittadinanza intera.

Claudia Mancina insegna Storia della filosofia moderna nell'Università "La Sapienza" di Roma. Parlamentare dal 1992 al 2001, è autrice di "La famiglia" (Editori Riuniti, 1981) e "Differenze nell'eticità. Amore famiglia società civile in Hegel" (Guida, 1991).

Acquista:

non disponibile
collana "Saggi"
pp. 200, 978-88-15-08947-2
anno di pubblicazione 2002

Leggi anche

copertina Donne ottimiste
copertina Viaggi e avventure della Serendipity
copertina Il posto delle donne
copertina Durkheim