il Mulino

Copertina L'economia dell'informazione

Acquista:

a stampa € 12,39
collana "Itinerari"
pp. 216, 978-88-15-08286-2
anno di pubblicazione 2001

MARCO ZILIOTTI

L'economia dell'informazione

Modelli, applicazioni, sviluppi

Un piccolo testo su un'area dell'economia politica in forte sviluppo.

E' opinione ormai condivisa che l'economia si occupi - più che di allocazione ottimale di risorse scarse - della analisi dei problemi decisionali. Da qui il crescente e diffuso rilievo dell'"economia dell'informazione" di cui il volume intende offrire una trattazione compatta ed aggiornata. Nei primi due capitoli vengono esposti con un livello di formalizzazione accessibile, gli strumenti che costituiscono una moderna "scatola degli attrezzi" per affrontare decisioni economiche in condizione di informazione incompleta. I modelli di "moral hazard", selezione avversa e segnalazione vengono illustrati tramite esempi desunti da diversi ambiti della letteratura, dalla teoria dei contratti alla teoria dell'impresa. Il terzo capitolo esplora tematiche particolarmente attuali relative alla stretta connessione tra informazione e tecnologia. L'analisi di fenomeni tipici della informazione in rete e della "network economy" (l'effetto "lock-in", le esternalità di rete, il "feedback positivo" e la "co-opetition") evidenzia come il progresso tecnologico non necessariamente elimini (ma anzi talvolta acuisca) le asimmetrie informative, imponendo scenari di disequilibrio, ovvero di equilibrio fortemente instabile e non necessariamente efficiente.

Marco Ziliotti insegna Microeconomia nella Facoltà di Economia dell'Università di Parma. Fra i suoi volumi ricordiamo "Teoria dei contratti di fornitura pubblica e regolamentazione" (Giuffrè, 1997).

Premessa
1. Problemi e definizioni
2. Modelli e applicazioni
3. Sviluppi
Riferimenti bibliografici
Indice analitico

Leggi anche

copertina La Nuova Economia
copertina L'economia della conoscenza
copertina Informazione, economia pubblica e macroeconomia
copertina Dicerie e pettegolezzi. Perché crediamo in quello che ci raccontano