Letture al sole: -5% su tutti i libri, spese di spedizione ribassate e invio gratuito oltre € 39 fino al 25 agosto >>> SCOPRI

Copertina L'ossessione costituente

Acquista:

non disponibile
collana "Saggi"
pp. 336, 978-88-15-08247-3
anno di pubblicazione 2001

ROBERTO MARTUCCI

L'ossessione costituente

Forme di governo e costituzione nella Rivoluzione francese (1789-1799)

Uno straordinario laboratorio costituzionale - il decennio 1789-1799 nella Francia rivoluzionaria - rivisitato con approccio originale, insieme appassionato e rigoroso, muovendo da fonti storiche di prima mano.

Nell'esaminare la mancata stabilizzazione del sistema rappresentativo francese tra la convocazione degli Stati Generali (1789) e il colpo di Stato militare del 18 brumaio anno VIII (1799), questo volume ipotizza un comune denominatore costituzionale per l'intero decennio rivoluzionario. Infatti, le costituzioni promulgate tra il 1791 e il 1795 presentavano una regolamentazione omogenea dei poteri costituiti, all'insegna della diffidenza nei confronti degli organi monocratici (sindaci, presidenti dei Direttori dipartimentali, re) e della sopravvalutazione della collegialità, dalla periferia municipale al vertice dello Stato. In tal modo, il Corpo legislativo diveniva l'esclusivo asse portante del sistema politico sotto la Costituente (1789-91), la Legislativa (1791-92) e la Convenzione Nazionale (1792-95). Ma la costruzione costituzionale di una centralità del Legislativo, negatrice della "balance des pouvoirs", ha creato le premesse per un conflitto endemico tra i vertici dello Stato, destabilizzando il sistema politico con effetti di lungo periodo. Interrogandosi sulle ragioni del fallimento di quell'intensa fase costituente, l'autore ci restituisce il fascino di quel singolare laboratorio politico costituito dal decennio rivoluzionario che, pur mancando nel breve termine molti dei suoi obiettivi, ha saputo però dare una grammatica e un linguaggio al moderno diritto pubblico.

Roberto Martucci è professore ordinario di Storia delle istituzioni politiche presso la Facoltà di Scienze politiche dell'Università di Macerata; dirige il Laboratorio di storia costituzionale "Antoine Barnave" ed è coordinatore del Dottorato di Ricerca in Storia e teoria delle costituzioni moderne e contemporanee. Tra i suoi lavori: "Emergenza e tutela dell'ordine pubblico nell'Italia liberale" (Il Mulino, 1980), "La Costituente e il problema penale in Francia (1789-91). Alle origini del processo accusatorio" (Giuffrè, 1984), "L'invenzione dell'Italia unita 1855-1864" (Sansoni, 1999) e "L'incisore delle monete" (Il Saggiatore, 2000).

Leggi anche

copertina Le origini dello stato moderno in Europa  (1450-1725)
copertina Lo Stato sono io
copertina Benjamin Constant. Rivoluzione, costituzione, progresso
copertina Tribunali, giuristi e istituzioni