Fino al 25 luglio -30% sugli e-book / -5% sui libri
spedizione gratuita per corriere a partire da € 32
.

MARIA GIUSEPPINA MUZZARELLI

Il denaro e la salvezza

L'invenzione del Monte di Pietà

Di che cosa parlava alle folle il predicatore che arrivava in città dopo essere stato lungamente atteso? Parlava dei vizi e delle virtù opposte da praticare, dei danni prodotti dalle usure e dei vantaggi arrecati dai Monti di Pietà. Questo volume racconta in modo semplice e coinvolgente fatti complessi e ricchi di implicazioni. Ci spiega che nelle città dell'ultimo medioevo era forte e diffuso il bisogno di denaro, che la risposta cittadina a tale bisogno non era priva di contraddizioni, che i servizi degli ebrei prestatori suscitavano dubbi, che l'etica cristiana ragionava da tempo su questi temi e che con l'invenzione del Monte di Pietà dai ragionamenti si passò ai fatti per coniugare leggi di mercato e principi solidaristici. Il valore persuasivo dell'immagine della Pietà come emblema del concetto di prendersi cura di chi ha bisogno ("curam illius habe"), il contributo sapiente dei giuristi incaricati di stendere "Consilia" in difesa dell'operato dei Monti, la forma concreta data all'istituzione sono tutti aspetti esaminati in questo libro, scritto con stile chiaro e ritmi avvincenti, dedicato ad un istituto che costituisce uno dei caratteri originari della storia italiana. E' la ricostruzione di un'intuizione consegnata dai predicatori alle città che ne fecero usi diversi conformi ai lineamenti di ogni centro urbano. E' la storia dell'idea del Monte ma anche dei tanti Monti che nel lungo periodo di avvio, cento e più anni a partire dal 1462 quando fu fondato il primo a Perugia, fiorirono nelle città d'Italia. E' la storia di qualcosa che nasce un giorno sul finire dell'Età medievale ma parte da molto più lontano e ci ricorda, come il predicatore faceva col suo pubblico, la potenza di ogni risposta collettiva: forte come l'insieme di tanti fili sottili capaci, se uniti fra loro, di atterrare una montagna o di trattenere un cavallo furioso.

Maria Giuseppina Muzzarelli, medievista, insegna Storia delle città all'Università di Bologna. Tra le su pubblicazioni: "Penitenze nel Medioevo" (Pàtron, 1994), "Gli inganni delle apparenze" (Scriptorium-Paravia, 1996). Per il Mulino ha curato "Banchi ebraici a Bologna nel XV secolo" (1994) e ha pubblicato nel 1999 "Guardaroba medievale. Vesti e società dal XIII al XVI secolo".

Acquista:

non disponibile
collana "Storia dell'economia e del credito - Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna"
pp. 304, 978-88-15-08238-1
anno di pubblicazione 2001

Leggi anche

copertina A misura del mondo
copertina La libertà negli occhi
copertina Il dio ibrido
copertina Orrore metafisico