La scomparsa di Massimo Campanini


di Redazione Sitomulino
12 Oct 2020

Studioso del pensiero islamico di statura internazionale, Massimo Campanini, scomparso prematuramente il 9 ottobre, collaborava con il Mulino da quando, a cavallo degli anni novanta, non ancora stabilizzato nei ranghi universitari, aveva curato la traduzione di un saggio inglese sulla filosofia islamica medievale.
Islam e politica (1999) è il primo degli otto titoli pubblicati con il Mulino, ed è quello a cui probabilmente teneva di più; l’aveva ripreso e rivisto più volte, sino a rifonderlo in un nuovo saggio, La politica nell’Islam. Una interpretazione, uscito l’anno scorso. Ma quello che lo ha fatto conoscere a un più largo pubblico è sicuramente la Storia del Medio Oriente più volte riaggiornata fino alla sesta edizione uscita all’inizio di quest’anno.
Sono stati trent’anni di collaborazione intensa e produttiva, ma qualche volta anche tempestosa. Lo spazio editoriale che l’editore, un unico editore, poteva dedicare al pensiero islamico non gli pareva mai abbastanza. Del resto lavorava con un’intensità che, forse nella consapevolezza che la malattia gli lesinava il tempo, negli ultimi anni si era vieppiù accelerata, fino a produrre cinque titoli fra novità e nuove edizioni, da diversi editori, nel 2019-20.
In questi trent’anni l’Islam da materia di studio per specialisti è diventato per ragioni evidenti oggetto di un interesse molto più allargato. Con il suo lavoro Massimo Campanini ha dato un contributo rilevante perché questa domanda di conoscenza potesse trovare risposte adeguate.

Dal nostro catalogo:

Storia del Medio Oriente contemporaneo

La politica nell'Islam. Una interpretazione

Storia dell'Egitto. Dalla conquista araba a oggi

I sunniti

Le rivolte arabe e l'Islam. La transizione incompiuta

Ideologia e politica nell'Islam. Fra utopia e prassi

Il pensiero islamico contemporaneo

Averroè

Agenda

Newsletter

Per restare informati sulle novità editoriali e le iniziative culturali nelle diverse aree di interesse.

eventi

Eventi

Gli eventi sono come le pagine di un libro, si sfogliano una dopo l’altra, si apprezzano, si commentano, ci emozionano e, a volte, ci fanno sognare.